Previous Image
Next Image
L’attuale Cassa Mutua Aziendale è nata con atto costitutivo del 6 dicembre 1968 a seguito dell’accordo fra le Organizzazioni Sindacali e l’allora Servizio Sanitario della “Società Terni per l’Industria e l’Elettricità S.p.A.” il quale, a fronte della trattenuta dei contributi di legge previsti per l’assistenza malattia, forniva l’assistenza sanitaria in forma diretta ed indiretta nei confronti del solo personale impiegatizio (in sostituzione dell’Istituto Nazionale Assistenza Malattia). Successivamente, con l’accordo sindacale dl 1997, sono state estese al personale operaio ed ai dipendenti delle società partecipate le prestazioni sanitarie erogate dalla Cassa Mutua Aziendale.
Leggi tutto

Bilancio

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELLA CASSA MUTUA AZIENDALE DIPENDENTI

della ACCIAI SPECIALI TERNI S.p.A

Signori Soci,

come di consueto ed osservate le disposizioni di legge e di Statuto, con la presente relazione si completano le notizie sulle attività svolte dalla  Cassa Mutua Aziendale dipendenti della Acciai Speciali Terni S.p.A. nel corso dell’esercizio 2018 che, nel rispetto degli obblighi sociali, sono state effettuate senza scopo di lucro.

In Italia l’attenzione al welfare da parte del mondo del lavoro è in costante crescita, in linea con politiche aziendali orientate a valorizzare al meglio i flexible benefits che incontrano la soddisfazione dei lavoratori.

Questo risulta particolarmente vero sul versante sanitario visto che una quota rilevante della spesa sanitaria privata è destinata all’acquisto di visite mediche incluso il ticket e all’assistenza odontoiatrica e visti i limiti della copertura pubblica, con disagi ormai diffusi (code, onerosità dei ticket, differenze qualitative e normative da Regione a Regione, …), che rendono più acuta la percezione del valore crescente della copertura sanitaria integrativa.

Il modello di sanità integrativa della Cassa Mutua Aziendale, anche nell’esercizio 2018, si è dimostrato in grado di tutelare al meglio la salute dei dipendenti AST iscritti e dei loro famigliari, gestendo le risorse con riguardo sia alle specifiche esigenze delle singole richieste di assistenza sanitaria sia al principio dell’economicità nell’impiego delle risorse.

Il numero degli iscritti al termine dell’esercizio 2018 ammonta a nr. 1.541  unità    di cui nr. 1.136 dipendenti  (+0,80%)  e nr. 405 (-2,17%) pensionati.

 Nel corso del 2018 n. 14 dipendenti in servizio si sono iscritti alla Cassa Mutua Aziendale pagando il contributo di ingresso in essere dal 01.04.2006 pari all’1,5% della retribuzione di base moltiplicato 24 (cioè 2 anni di contribuzione) e prelevato in busta paga in 36 rate mensili

La Cassa Mutua Aziendale nel 2018 ha erogato n. 26.022 prestazioni  (+ 3,73% pari a n. 936 prestazioni erogate in più rispetto al 2017).

Invariato il contributo alle spese richiesto agli iscritti.

Nel dettaglio, i dipendenti dell’Acciai Speciali Terni iscritti alla Cassa Mutua Aziendale e le loro famiglie hanno usufruito di n. 14.508 visite specialistiche (+3,78 %), n. 10.336 prestazioni odontoiatriche (+4,28 %) e n. 1.178 prestazioni fisioterapiche (-1,34%).

Negli Allegati “Situazione numerica Iscritti e Prestazioni” e “Ripartizione Costi e Ricavi” viene fornito dettaglio delle prestazioni erogate dalla Cassa Mutua Aziendale nel 2018,

per tipologia prestazioni e categorie iscritti.

Le prestazioni odontoiatriche, sanitarie e fisioterapiche erogate, in forma diretta, dalla Cassa Mutua Aziendale (cioè senza il ricorso a rimborso di spese sostenute all’esterno) hanno rappresentato l’86,22% delle spese per assistenza sanitaria (-0.83 % vs. 2017), confermando la preferenza degli iscritti nei confronti delle alternative offerte dal settore privato e dal Servizio Sanitario Nazionale.

Per quanto concerne l’esame dell’aspetto economico e patrimoniale si rinvia al Bilancio, che rappresenta la reale situazione economia e patrimoniale della Cassa Mutua Aziendale,  ed ai prospetti di dettaglio che sintetizzano il conto economico dell’esercizio 2018 a fronte di quello dell’esercizio precedente.

L’esercizio relativo all’anno 2018 si chiude con un utile di € 862 (€ 172 nel 2017) dopo avere accantonato € 11.000 al fondo rinnovo attrezzature.

Le Entrate hanno registrato un incremento € 81.006, passando da € 963.812 a  € 1.044.817, da attribuire all’incremento dei contributi versati dagli iscritti nel 2018 a seguito dell’aumento del numero degli associati (n. 14 nel 2018 e n. 89 nel periodo Settembre-Dicembre 2017).

Le Uscite relative alle spese per assistenza sanitaria hanno subito un incremento di euro 61.374 passando da € 914.320 a € 975.694 (v. All. 1).

La variazione è dovuta a:

  • maggiori spese per assistenza diretta per circa € 45.365 (v. All. 2) a seguito  incremento delle prestazioni specialistiche ed odontoiatriche;
  • maggiori spese per assistenza indiretta per € 16.009 (V. All. 3):
    • specialistica, diminuzione dei rimborsi sanitari erogati per € 1.137;
    • ricoveri, nell’esercizio 2018 sono stati rimborsati euro 12.352 mentre l’anno precedente i rimborsi erano stati pari a zero;
    • odontoiatria, aumento dei rimborsi sanitari erogati per € 2.404;
    • gli altri rimborsi sanitari (lenti, presidi ortopedici, vaccini antiallergici) sono rimasti sostanzialmente invariati (+ € 116).

Le Uscite per altre spese presentano un incremento  di € 18.942:

  • manutenzione e riparazioni su macchinari € 4.500;
  • smaltimento rifiuti sanitari € 7.500;
  • aggiornamento software gestionali € 6.832.

Nell’esercizio 2018 la Cassa Mutua Aziendale ha effettuati investimenti per dotazioni strumentali pari a Euro 15.250:

  • scanner ai fosfori per lastre odontoiatriche digitali che coniuga rapidità di utilizzo e qualità dell’immagine (€ 4.270);
  • sonda lineare per ecografo GE – già dotato di sonda convex preferibile per l’esame degli organi addominali data la sua panoramicità – per lo studio delle parti molli e superficiali con una migliore risoluzione (€270);
  • cicloergometro per test da sforzo a completamento dello screening cardiologico già erogato dalla Cassa Mutua Aziendale (€ 6.710).

La Situazione Patrimoniale al 31/12/2018 presenta un saldo fra Crediti e Debiti positivo per € 675.420 (si precisa che i crediti Vs. soci per contributi sono passati da € 52.394 ad € 103.006 in conseguenza dell’iscrizione di n. 107 dipendenti che dovevano versare il contributo di ingresso trattenuto da AST in busta paga in 36 rate ma versato da AST alla CMA in una unica soluzione a Novembre 2017). Più precisamente

  • il saldo tra Crediti e Debiti correnti è negativo per € 176.432;
  • la disponibilità c/o Banche ed in Titoli è pari ad € 851.852 al 31/12/2018 (di cui

€ 710.390 presso Intesa San Paolo Private Banking di Terni, € 140.001 presso l’Agenzia 10 Intesa San Paolo di Terni e € 1.461 di disponibilità liquide per piccola cassa presso la sede della Cassa Mutua Aziendale). Il saldo al 31/12/2018 ha avuto un decremento di € 29.186 principalmente a seguito degli spese per investimenti e per aggiornamento software gestionali sopra descritte, nonché per le attività svolte per  celebrare i 50 anni della Cassa Mutua Aziendale.

Il cash flow operativo è stato pari a – € 3.388  (v. All. 4).

Quanto sopra evidenzia un equilibrio sia della gestione corrente che della situazione finanziaria la quale, anche al netto del saldo fra crediti e debiti correnti, dispone di una riserva di liquidità di circa € 675.420 in grado di garantire una adeguata autonomia e una sicurezza finanziaria futura.

Il Bilancio Preventivo dell’esercizio 2019 (v. All. 5) è stato formulato sulla base del consuntivo dell’esercizio scorso e presenta una situazione di sostanziale pareggio.

Nell’esercizio 2019 è stato previsto di acquistare (€ 17.000), in sostituzione dell’attuale, un nuovo videocolposcopio per gli esami ecografici ginecologici di secondo livello.

 

Signori Soci,

concludendo questa relazione voglio rivolgere un vivo apprezzamento al Consiglio di Amministrazione, al Collegio dei Sindaci, al personale dipendenti, ai medici ed i para-medici che si sono adoperati con forte impegno per un miglioramento continuo delle attività della nostra Cassa Mutua Aziendale.

Per quanto esposto e dettagliato nei prospetti allegati al bilancio, il Consiglio di Amministrazione propone l’approvazione:

  • del Rendiconto Economico al 31/12/2018 proponendo che l’avanzo di gestione di € 11.862 sia rinviato a nuovo per € 862 e per € 11.000 accantonato al fondo rinnovo attrezzature;
  • del Bilancio di previsione predisposto per l’esercizio 2019 nel quale sono previsti ricavi per € 1.040.000 e di converso costi per € 1.040.000 che determinano un risultato in pareggio.

  Per IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

 Il Presidente

Dr. Giovanni Scordo

 

 



Download Allegati
News Avviso Chiusura Agosto 2019
News Nuova Professionista
News Chiusura delle festività Pasquali 2019